Scritto da  2015-02-14

Pantelleria in barca a vela

(9 Voti)
Pantelleria in barca a vela
Pantelleria in barca a vela SkipperClub

Quando si pensa alla barca a vela si pensa a quello che si può fare attorno un’isola, è il mare che privilegia la scelta, un mare limpido e cristallino di un colore blu cobalto e a tratti verde smeraldo, dentro il quale é impossibile non volersi tuffare da una barca a vela: Pantelleria però non é solo mare, essa sorge al centro del Mar Mediterraneo, più vicina alla costa africana, da cui dista soli circa 50 miglia che a quella siciliana da cui dista 70 miglia. 

Nelle giornate in cui l’orizzonte è ben definito e determina una frattura tra cielo e mare, magari durante una bella navigazione in barca a vela, sono ben visibili le coste di Capo Bon e Kelibia, nella parte Sud-Ovest dell’isola, al tramonto del sole. L’esplosione vulcanica avvenuta circa 9000 anni or sono, ha dato forma al territorio, definendolo con tante altre eruzioni, determinando l’attuale conformazione del paesaggio, diverso nei vari versanti dell’isola di Pantelleria. L’attivita di vulcanesimo secondario continua ancora nelle “Favare” (getti di vapore acqueo), nelle Kuddie, (coni vulcanici) nelle numerose “Terme”, presenti nel Lago “Specchio di Venere”, nella sauna naturale di “Benikula”che sorge ai piedi della montagna grande.

Il mare

Ammirare le imponenti coste rocciose di Pantelleria via barca a vela vi permetterà di acquisire un nuovo punto di vista sull'isola. Scoprirete calette, grotte e piccole insenature come quello di Nikà dove sorgenti di acqua calda vulcanica vi permetteranno di rilassarvi come in una beauty farm, ma in realtà siete in mezzo al mare baciati dagli ultimi raggi di sole che tramonta, magari bevendo un aperitivo in barca

L'archeologia

Le vestigia di molti popoli sono visibili in questa terra apparentemente selvaggia, ma visibilmente antropizzata: civilta che si sono succedute nei millenni, lasciando ciascuna di esse un’improntaindelebile nel paesaggio, dove i resti di vasellame o di utensili vari derivanti dalla celebre ossidiana, sono stati spesso rinvenuti a testimoniare un interesse particolare per l’isola, testa di ponte tra due continenti, cosi determinanti nella storia delle civilta. Oggi Pantelleria nei siti archeologici dei “Sesi” e nella cittadella di S. Marco e 5. Teresa, custodisce tesori rilevanti per quanti amano un passato storico che si presenta agli occhi attenti del visitatore, dovunque egli lo posi, perché tutto testimonia il lavoro incessante di un uomo che nei millenni ha sempre utilizzato le risorse di una terra avara e prodiga ad un tempo.

I sentieri

L’isola di Pantelleria, benché tale, ha sempre visto il mare come fonte di pericolo, da esso giungevano i popoli predatori, cosi i suoi abitanti “I Panteschi”, hanno appreso a strappare al vulcano, la terra fertile per la coltivazione dell’Uva Zibibbo e del Cappero, nelle zone piu elevate ed interne del territorio o nelle poche pianure dove la frescura del luoghi durante la notte, sopperiva alla forte calura del giorno. Oggi queste terre sono tra di loro collegate da sentieri che un tempo venivano attraversati a piedi o a dorso d'asino e costituiscono percorsi mo|to suggestivi e vari perché ricchi divegetazione, la famosa macchia mediterranea, col cisto rosa e bianco, il mirto, il corbezzolo e tante varieta di piante endemiche e mediche. Quando soffiano i venti del nord e il mare si colora d’azzurro intenso, attraversare a piedi, con le mountain bike o a cavallo, i sentieri de|l’isola, equivale ad immergersi in paesaggi unici, dove sovrano regna il silenzio e la riscoperta di sé e del proprio essere.

Le terme

Pantelleria può essere definita come una beauty farm a cielo aperto, perché in qualsiasi ora del giorno e possibile usufruire delle sue acque termali sorgive, molto salutari, presenti nelle grotte di Scauri porto, Nice, Sataria, Gadir, nel Lago Specchio di Venere, nella Sauna di Benikula, posta ai piedi della montagna grande. Dopo una giornata di mare e vela, immergersi in queste acque, dopo aver lasciato in ormeggio la barca a vela, dona riposo al corpo e rigenera lo spirito. Le terme sono fruibili in qualsiasi ora del giorno in piena liberta e in qualsiasi periodo dell’anno, dal momento che le temperature si mantengono sempre miti, anche d’inverno.

Per maggiori informazioni visita il link Settimana in barca tra le Isole Egadi e Pantelleria

Contatta lo staff di SkippeClub per avere maggiori informazioni e per un preventivo gratuito: concorderemo insieme, destinazione, itinerario, durata e tutti i dettagli dell’evento!


 

Letto 1981 volte

socialshare

share on facebook share on linkedin share on pinterest share on youtube share on twitter share on tumblr share on soceity6
FaLang translation system by Faboba

Da Skipperclub.it desideriamo informarLa che il nostro sito usa cookie di terze parti per misurare e analizzare la navigazione dei nostri utenti, al fine di fornire prodotti e servizi di interesse per voi. Utilizzando il nostro sito web si accetta questa politica e il consenso per l'uso dei cookie. È possibile modificare le impostazioni o avere maggiori informazioni.